Pallavolo femminile, a Catania le qualificazioni per Tokyo 2020

44

Manfredi e Anzalone: “L’Italvolley femminile a caccia delle Olimpiadi”

A Catania si terranno alcune delle qualificazioni alle Olimpiadi di Tokyo del 2020: la squadra femminile dell’Italia si scontrerà con Belgio, Kenya e Olanda.

Il processo di qualificazione si dividerà in due tappe:

Tornei di Qualificazione Intercontinentale (6 posti in palio): ad agosto si svolgeranno sei tornei (composti da 4 squadre ciascuno). La prima classificata di ogni torneo staccherà il visto per i Giochi. Ai tornei prendono parte le migliori 24 formazioni del ranking mondiale, aggiornato al 1° gennaio 2019, che sono state divise in base al sistema della serpentina:

Donne 2 – 4 agosto

Pool A (Polonia): Serbia (1), Porto Rico (12), Thailandia (13), Polonia (26)

Pool B (Cina): Cina (2), Turchia (11), Germania (14), Repubblica Ceca (23)

Pool C (da decidere): USA (3), Argentina (10), Bulgaria (15), Kazakistan (22)

Pool D (Brasile): Brasile (4), Rep Dominicana (9) Cameroon (16), Azerbaijan (21)

Pool E (Russia): Russia (5), Corea del Sud (8), Canada (17), Messico (20)

Pool F (Catania): Olanda (6), Italia (7), Belgio (18), Kenya (19). Le gare si volgeranno al PalaCatania

Uomini 9 – 11 agosto

Pool A (Bulgaria): Brasile (1), Egitto (12), Bulgaria (13), Porto Rico (24)

Pool B (Olanda): USA (2), Belgio (11), Olanda (14), Corea del Sud (23)

Pool C (Bari): Italia (3), Serbia (10), Australia (15), Cameroon (22)

Pool D (Polonia): Polonia (4), Francia (9), Slovenia (16), Tunisia (21)

Pool E (Russia): Russia (5), Iran (8), Cuba (17), Messico (20)

Pool F (Cina): Canada (6), Argentina (7), Finlandia (18), Cina (19)

Tornei di Qualificazione Continentale (5 posti in palio): nel gennaio 2020 si svolgeranno cinque tornei organizzati dalle confederazioni continentali (AVC Asia, CAVB Africa, CEV Europa, CSV Sud America, NORCECA Nord e Centro America). Le nazionali vincenti di ciascun torneo si qualificheranno ai Giochi Olimpici.

Il vice presidente nazionale della Federvolley Giuseppe Manfredi: “La Federazione ha fatto investimenti notevoli in termini economici e di risorse. Ci teniamo a giocarci la chance della qualificazione alle Olimpiadi in casa e di giocarcela al meglio delle nostre possibilità. Il fatto di giocare in casa non deve però farci cullare. L’Olanda, ricordo, è una signora squadra, è sopra di noi nel ranking mondiale. Contro il Belgio agli Europei abbiamo perso e non sarà certo facile. Bisogna prepararsi all’evento dal punto di vista tecnico nel migliore dei modi. Dobbiamo farci trovare pronti. La qualificazione ad agosto ci consentirebbe di programmare la partecipazione alle Olimpiadi con largo anticipo