Palermo: dipendente postale minacciato di essere sfregiato con l’acido

29

Un incubo vissuto da una dipendente di un ufficio postale nel centro città, finita nel mirino di un cliente che ha minacciato di incendiare il locale e di sfregiarla con l’acido. L’uomo che aveva richiesto un finanziamento, si era convinto che l’impiegata lo aveva truffato, ma la vicenda si è conclusa con il suo arresto .

A distanza di pochi giorni, lall’avvio delle pratiche per la procedura del finanziamento a il 66 enne causa di alcune problematiche, si è recato più volte in filiale, andando su tutte le furie e minacciando di “bruciare tutto”. Minacce e liti avvenute mentre l’ufficio era affollato, con la presenza di decine di altri clienti. La dipendente, nel frattempo, sarebbe stata perseguitata anche oltre l’orario lavorativo. 

L’uomo ormai ossessionato dalla vicenda aveva tolto la serenità dell’impiegata, in una circostanza addirittura raggiunta dalle minacce dell’uomo persino a casa, fuori dall’orario di lavoro,attraverso un social network e minacciata di essere sfregiata con l’acido”. Fino a due giorni fa, quando l’uomo ha fatto ingresso nell’ufficio postale munito di una bottiglia di acido muriatico ed ha chiesto a gran voce di parlare con la dipendente già presa di mira.

A quel punto per l’uomo sono scattate le manette.