Catania: arrestati due corrieri della droga

32

CATANIA – A seguito di numerosi controlli che il Comando Provinciale di Catania sta svolgendo per bloccarelo spaccio di sostanze stupefacenti , la Guardia di Finanza ha tratto in arresto 2 corrieri a bordo di un’auto a noleggio che trasportavano oltre 4 kg di cocaina. L’operazione è stata portata a termine dai militari del Gruppo Operativo Antidroga (G.O.A.) del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria di Catania con la collaborazione di personale della Compagnia Pronto Impiego di Catania (Baschi Verdi). I dispositivi di controllo venivano predisposti dalla Guardia di Finanza di Catania nella giornata del 5 u.s. nei pressi dei principali punti di accesso della città e all’uscita della Tangenziale di Catania (San Giovanni Galermo). L’attenzione dei Finanzieri operanti veniva attratta da una manovra stradale scomposta improvvisamente effettuata dal conducente del veicolo poi immediatamente sottoposto a controllo. Quest’ultimo, M.M. (cl.1963) nato a Catania e domiciliato a Misterbianco (CT) con precedenti per reati contro il patrimonio, alla vista della pattuglia delle Fiamme Gialle, tentava di spostarsi irresponsabilmente sulla corsia di marcia opposta a quella dove attendevano i militari così tentando invano di eludere un’eventuale ispezione del veicolo. I Finanzieri non esitavano a raggiungerlo, a piedi, nella corsia opposta e, non senza pericolo, gli intimavano l’alt.  

Durante il fermo dopo le prime domande da parte dei Finanzieri, sia il conducente che il passeggero, una donna catanese (P.M.G., cl.1966), palesavano inequivocabili segni di nervosismo, provando a celare quanto poi rinvenuto in una busta custodita da P.M.G. dinnanzi al sedile. La successiva perquisizione dell’autoveicolo noleggiato, infatti, confortava l’intuizione dei Finanzieri che rinvenivano, n.4 panetti di cocaina purissima del peso complessivo lordo di kg. 4,355. Lo stupefacente, custodito con nastro adesivo da imballaggio e cellophane, diretto a rifornire il mercato catanese, avrebbe potuto fruttare al dettaglio fino a 2 milioni di euro. Informata la Procura della Repubblica di Catania, i due soggetti venivano tratti in arresto per l’illecita detenzione di stupefacenti e condotti presso il carcere cittadino di “Piazza Lanza”. Da preliminari accertamenti economico-finanziari, i due arrestati risultavano percepire il reddito di cittadinanza, la cui fruizione sarà revocata.