Riaperture Scuola anche in Sicilia.

35

Ingressi scaglionati per età, per classe e per sezione. Ha preso il via anche in Sicilia l’anno scolastico, il primo dell’era covid. Ingressi scaglionati sia nelle scuole d’infanzia che nelle medie. Per i bimbi della scuola d’infanzia c’è la misurazione della temperatura e ognuno ha il suo zaino, qualche genitore con un contenitore di plastica, con dentro il necessario per far sì che i bambini non si scambino gli effetti personali. In diverse scuole sarà comunque un inizio a singhiozzo perché molte saranno sedi dei seggi elettorali a causa del referendum sul taglio dei parlamentari.

I DUBBI DEI PRESIDI. «L’anno scolastico 2020/21 si avvia sotto il segno della straordinarietà, così come si era concluso il precedente. L’emergenza sanitaria ancora in atto ha amplificato le tante lacune strutturali e procedurali che caratterizzano la scuola italiana, imponendo nei mesi estivi uno sforzo immane a tutti i livelli, e segnatamente a quello di ciascuna istituzione scolastica, per cercare di colmarle». Inizia così la lettera che il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, ha inviato ai colleghi dirigenti scolastici. «Purtroppo, alla vigilia della ripresa delle lezioni in presenza, permangono – in numerose realtà – vari nodi da sciogliere tra cui il reclutamento dei supplenti, l’assunzione dei DSGA, il reperimento dei locali, la consegna dei banchi monoposto e delle mascherine chirurgiche», fa notare Giannelli che ha sottolineato anche le tante traversie affrontate in questi mesi dai dirigenti scolastici. «La nostra categoria ha affrontato innumerevoli difficoltà per organizzare in modo nuovo gli spazi e per gestire al meglio le risorse finanziarie, umane e strumentali. Abbiamo messo in campo le nostre capacità progettuali per prospettare scenari che garantissero la ripartenza, mantenendo sempre aperti i canali comunicativi con le famiglie, con l’Amministrazione e con gli enti locali e coinvolgendoli costantemente nella riorganizzazione del servizio scolastico. Abbiamo anche dovuto modificare, in tempi brevissimi, i documenti fondamentali della scuola, insieme allo staff e agli organi collegiali», scrive.

Un grosso in bocca al lupo a tutti gli alunni, buon inizio.