Vaccino Covid-19: vaccinazione di massa entro settembre 2021

51
vaccino anti Covid

Il Commissario per l’Emergenza Domenico Arcuri si auspica che entro qualche mese ci possa essere una somministrazione su larga scala del vaccino anti Covid-19. L’obiettivo è quello di vaccinare una fetta importante di popolazione entro il terzo trimestre del 2021, per arrivare a coprire buona parte della popolazione entro settembre 2021. “Per ora non è previsto l’obbligo” assicura anche Arcuri aggiungendo che si sta progettando una piattaforma informatica che consentirà di gestire la verifica della somministrazione, per sapere come si chiamano le persone che hanno fatto il vaccino e dove lo hanno fatto, per seguire quindi la tracciabilità sul territorio.

Intanto l’Ema, l’agenzia europea per i farmaci, potrebbe dare l’autorizzazione alla commercializzazione dei vaccini di Biontech e Moderna nella seconda metà di dicembre “se tutto procederà senza problemi”. Lo ha detto la presidente della commissione Ue Ursula Von der Leyen alla fine della videoconferenza tra i leader Ue.

In Cina invece a quasi un milione di persone sono stati già somministrati due vaccini sperimentali anti-Covid prodotti dalla cinese Sinopharm. Lo ha reso noto la stessa compagnia farmaceutica, senza tuttavia fornire dati clinici che dimostrino la loro efficacia.

Dalla scorsa estate la Cina ha consentito inoculazioni di vaccini non ancora approvati, per casi ritenuti urgenti, come dipendenti e studenti che si recano all’estero, o anche lavoratori particolarmente esposti, come gli infermieri. In questo contesto, “i nostri vaccini sono stati inoculati a quasi un milione di persone e non abbiamo ricevuto alcun feedback relativo a reazioni avverse gravi”, ha affermato Liu Jingzhen, presidente di Sinopharm, sul sito web del gruppo.

La Cina ha attualmente quattro vaccini in fase 3 di sperimentazione umana, l’ultimo prima della possibile approvazione. Poiché i pazienti sono pochissimi nel paese asiatico, dove il Covid-19 è stato ampiamente contenuto, questi test vengono effettuati all’estero. Gli studi clinici di fase 3 di Sinopharm, che comprende due vaccini che hanno raggiunto questa fase, si stanno svolgendo in una decina di paesi come Emirati Arabi Uniti, Argentina, Perù, Egitto e Giordania.