Cambia il piano vaccinale: mezzo milione di dosi al giorno

191
zona rossa

Prende forma il nuovo piano vaccini dopo le indicazioni che il premier Mario Draghi ha dato, in Senato, ribadendo che l’immunizzazione di massa degli italiani è la «prima sfida» per il governo. Obiettivo mezzo milione di dosi al giorno a partire da aprile.

Il presidente del Consiglio ha parlato della necessità di essere rapidi ed efficienti, del «dovere» di utilizzare tutto ciò che l’Italia ha a disposizione per proteggere i suoi cittadini e già nei prossimi giorni ci saranno una serie di incontri per definire le linee del piano organizzativo e logistico. Resta però l’incognita della fornitura dei vaccini: senza dosi, la campagna non può partire. Per il momento i numeri, almeno per quanto riguarda il nostro paese, sono limitati: l’ultima previsione di Arcuri indicava 14 milioni di dosi entro la fine di marzo, sufficienti per completare la vaccinazione del personale sanitario, Rsa e over 80 ma non certo per la campagna di massa. Quella dovrebbe partire ad aprile: nel secondo trimestre sono previste 64,5 milioni di dosi, un terzo da Astrazeneca.