Falcone: oggi il magistrato avrebbe compiuto 83 anni

84
Il comune di Fiumicino ospita la mostra fotografica dell'ANSA dedicata a "L'eredità di Falcone e Borsellino" a pochi giorni da una nuova tappa siciliana dell'esposizione, prevista per maggio, in occasione delle celebrazioni per i 25 anni della strage di Capaci, che culmineranno con la cerimonia ufficiale nell'aula bunker del tribunale di Palermo, in programma il 23 maggio, alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e delle massime autorità dello Stato, 20 Aprile 2017. ANSA/ US +++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY +++

Avrebbe compiuto 83 anni oggi il giudice Giovanni Falcone, nato a Palermo il 18 maggio del 1939, se non fosse per la violenza della mafia che l’ ha ucciso il 23 maggio del 1992 facendolo saltare in aria un tratto di A29, l’autostrada Trapani-Palermo, all’altezza dello svincolo per Capaci.

In quella circostanza, assieme al magistrato persero la vita sua moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro.

Aveva 53 anni Giovanni Falcone e per il trentennale dalla strage di Capaci, la Fondazione a lui intitolata, e presieduta dalla sorella Maria, ha deciso di ricordarlo con delle iniziative proprio a partire da oggi, 18 maggio. Scelta non causale, ma voluta: una data simbolica, il giorno della sua nascita.

Alle 18 verrà installata nel complesso monumentale di Santa Maria dello Spasimo a Palermo : L’albero dei tutti, di Gregor Prugger, un abete di oltre quindici metri per oltre nove di ampiezza dove per ogni ramo è innestata una gemma, una scultura originale che rappresenta realisticamente e simbolicamente oltre quattrocento caduti nella lotta alla mafia (ha 432 rami). Alle 21, nel complesso di Santa Maria dello Spasimo si esibirà la Fanfara dei Carabinieri. Sempre oggi il giudice Falcone e le vittime della strage di Capaci saranno ricordati con un’iniziativa promossa dal quotidiano La Sicilia, nell’Oratorio della Chiesa delle Salette nel rione San Cristoforo, a partire dalle 10.30. Ci saranno la proiezione di un docu-film e gli interventi del prefetto Maria Carmela Librizzi, del procuratore Carmelo Zuccaro, del presidente del Tribunale per i minorenni Roberto Di Bella e del direttore del quotidiano La Sicilia Antonello Piraneo che innescheranno un dibattito sulla figura dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, ucciso da Cosa nostra 45 giorni dopo l’amico e collega, con i ragazzi delle scuole presenti all’incontro.