Mario Biondo fu ucciso, ma il caso è stato archiviato essendo passato troppo tempo

6

Gli elementi che si traggono dal fascicolo del pubblico ministero ad avviso del giudice smentiscono la tesi suicidiaria e lasciano pensare che Mario Biondo fu ucciso da mani rimaste ignote e successivamente collocato in una posizione atta a simulare un suicidio….e per queste ragioni che ad avviso dello scrivente pur essendo rintracciabile dal fascicolo del pubblico ministero numerosi segmenti probatori che depongono per la tesi omicidiaria sostenuta dagli opponenti, la distanza di tempo dai fatti da cui si procede ha di fatto pregiudicato la possibilità di svolgere delle indagini che avrebbero potuto consentire di individuare gli autori dell’ipotizzato omicidio, per tale motivo ha disposto l’archiviazione del fascicolo».

E’ uno stralcio della motivazione con cui il gip di Palermo Nicola Aiello ha archiviato l’inchiesta sul decesso di Mario Biondo, cameraman trovato morto nella sua casa di Madrid 9 anni fa. Pur chiudendo il caso il giudice stabilisce, però, che non si trattò di suicidio, bensì di omicidio come rende noto la madre della vittima, Santina Biondo. La famiglia del cameraman, sposato con una nota giornalista spagnola, si batte da anni per avere la verità sul decesso del figlio trovato impiccato alla libreria con una pashmina legata al collo.