fbpx





Home Cronaca Al via l’operazione Breaking dawn a Gaza

Al via l’operazione Breaking dawn a Gaza

4
epa04340975 Smoke rises from Shejaeiya neighbourhood after an Israeli airstrike in the east of Gaza City, 04 August 2014. Israel resumed airstrikes in the Gaza Strip 04 August evening, after Palestinian militants launched rockets and mortar shells at it during a seven-hour humanitarian truce. The death toll in Gaza again rose sharply, after at least 18 Palestinians were killed - mostly in airstrikes and shelling before and after the truce - and at least 32 bodies were recovered from under the rubble in areas of heavy fighting, health officials said. At least 1,868 Palestinians, many of them civilians, have been killed and 9,470 injured. Sixty-three Israeli soldiers, two Israeli civilians and a Thai worker have died. Several hundreds were injured. EPA/MOHAMMED SABER












L’esercito israeliano ha confermato l’uccisione del comandante della Jihad islamica nel nord della Striscia Tayasir Jabari. Insieme a lui – ha fatto sapere il portavoce militare – sono stati uccisi durante l’operazione ‘Breaking dawn’ altri 14 membri dell’organizzazione.

Il ministero della sanità di Gaza per ora – secondo i media – parla di 7 morti e 40 feriti. Tra le vittime c’è anche una bambina di 5 anni. Secondo le stesse fonti il bilancio è destinato a salire ulteriormente. “L’esercito ha colpito poco fa obiettivi della Jihad islamica a Gaza. Si tratta di un’operazione per rimuovere una minaccia concreta nei confronti di cittadini israeliani e nelle zone vicine a Gaza”. Lo ha detto il premier Yair Lapid. “Il governo di Israele non permetterà ai terroristi di minacciare cittadini. Chiunque cerchi di colpirci sappia che lo raggiungeremo”.

L’esercito israeliano ha chiamato l’operazione avviata a Gaza contro la Jihad islamica palestinese ‘Breaking Dawn’, definizione che significa ‘l’arrivo di un nuovo giorno’. Lo ha fatto sapere il portavoce militare aggiungendo che “una allerta speciale” è stata dichiarata sul fronte interno del Paese. L’Iron dome, il sistema di difesa missilistico, è stato schierato per coprire fino a 80 chilometri all’interno di Israele, quindi compresa Tel Aviv e Modin.

 

Condividi:

Mi piace:

Mi piace Caricamento...












%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: